Spam sulla Pec di avvocati e commercialisti

Spam sulla Pec di avvocati e commercialisti.

News Divisione Privacy CASTGroup

Anche in questo caso il provvedimento discende dalla segnalazione di alcuni professionisti. La spedizione massiva ha riguardato circa 800.00 indirizzi pec reperiti illecitamente: dal registro Ini-Pec, l'Indice nazionale dei domicili digitali, dal sito www.registroimprese.it e dagli elenchi pubblicati da alcuni ordini provinciali.

La norma stabilisce che l'estrazione di elenchi di indirizzi di posta elettronica certificata contenuti nel registro delle imprese o negli albi o elenchi "é consentita alle sole pubbliche amministrazioni per le comunicazioni relative agli adempimenti amministrativi di loro competenza". In un caso le e-mail risultavano inviate anche dopo che il destinatario si era giá opposto formalmente al trattamento dei suoi dati personali, esercitando i diritti previsti dal Codice privacy.

Le giustificazioni della societá mittente, in merito all'esenzione del consenso, basate sulla presunta nauta "istituzionale" delle comunicazioni non sono state ritenute valide. Conseguenza immediata é il divieto dell'ulteriore trattamento illecito dei dati e la loro immediata cancellazione.

Pubblicata Dal 22/03/2018