Videosorveglianza: attenzione alle telecamere spente!

Attenzione alla videosorveglianza anche se le telecamere sono spente!!!

La Cassazione ha recentemente depositato le motivazioni di una sentenza di condanna con argomento "la videosorveglianza" La particolarità riguarda il fatto che le telecamere erano spente e l'impianto non veniva utilizzato. (Corte di Cassazione sezione penale nr. 4331 del 12.11.2013, depositata in cancelleria il 30 gennaio 2014).

La richiamata sentenza ha trattato una violazione da parte del legale rappresentale di una società (gestore di un supermercato) che aveva installato un certo numero di telecamere alcune delle quali orietate sulle casse senza il preventivo accordo con le rappresentanze sindacali e senza la preventiva autorizzazione dell'ispettorato del lavoro.

La pronuncia è da intendersi innovativa in quanto la suprema Corte non ha tenuto conto della difesa del contravventore (il quale dichiarava che l'impianto di videosorveglianza "non era funzionante") perchè l'art. 4 dello Statuto dei Lavoratori è comunque violato in quanto ..."l'idoneità degli impianti a ledere il bene giuridico protetto , cioè il diritto alla riservatezza dei lavoratori, sia necessaria affinchè il reato sussista emerge ictu oculi dalla lettura del testo normativo -idoneità che peraltro è sufficiente anche se l'impianto non è messo in funzione , poichè, configurandosi come un reato di pericolo, la norma sanziona a priori l'installazione prescindendo dal suo utilizzo o meno".

La divisione privacy di CASTGroup

Pubblicata Dal 20/07/2017